Istituto delle Piccole Sorelle dei Poveri - Casa dei Cento Vecchi
Istituto Piccole Suore dei Poveri “Casa dei Cento Vecchi” a Firenze

La mancanzadi salutee la disabilità non sono mai una buona ragioneper escludereo, peggio, per eliminare una persona; e la più grave privazioneche le persone anziane subiscono non è l’indebolimento dell’organismoe la disabilità che ne può conseguire, ma l’abbandono, l’esclusione, la privazionedi amore.” (Papa Francesco)

 

 

In quanto Piccole Sorelle dei Poveri, la loro missione è stata sempre quella di esercitare l’ospitalità verso gli anziani bisognosi.

 

 

Per capire quello che vivono oggi bisogna ritornare all'inverno del 1839: la Madre fondatrice, Santa Giovanna Jugan, in Francia, ha accolto la prima anziana nella sua casa. Una donna povera, inferma e abbandonata. In quel momento è nato quello che oggi è il carisma delle Piccole Sorelle dei Poveri: una missione di accoglienza, di accompagnamento delle persone anziane fino al termine della loro vita. Si tratta di persone che soffrono la povertà non solo per la mancanza di risorse economiche, ma anche e soprattutto per solitudine e abbandono. In questo gesto iniziale di Santa Giovanna Jugan, troviamo quello che oggi è il carisma delle Piccole Sorelle, l'accoglienza degli anziani poveri, creare un ambiente che sia per loro famigliare.

 

Cercano di ricreare continuamente una grande famiglia fra gli anziani, le piccole sorelle e gli affiliati laici alla congregazione, e questa è una delle principali caratteristiche del loro servizio di ospitalità. Infine, non avendo nessuna convenzione con enti pubblici o privati portano avanti la loro missione grazie alla provvidenza divina, che si prende cura dei più indigenti e si manifesta proprio attraverso la generosità di benefattori e di tante persone che contribuiscono a favore della missione al servizio degli anziani.

 

Sanno che andando a viso scoperto, sensibilizzando il prossimo per ottenere il necessario ad assicurare la sopravvivenza di ogni Casa, stanno facendo continuamente una scommessa sulla bontà del cuore umano.

 

La persona anziana, di qualunque cultura, religione o origine essa sia, ha ovunque gli stessi bisogni: necessità di cure fisiche, ma anche di attenzione, considerazione, amore, stima, di tenerezza. Dunque la loro accoglienza va oltre l’origine culturale, la religione e rispetta le differenze.

 

 

 
PHOTOGALLERY
Un 2017 di successi
Sfoglia il flipbook
Raccolti nel 2017 380.000€
 
 
 
Aiuta l'Associazione
5x1000
Donazioni
Se desiderate dare il vostro contributo attraverso Bonifico Bancario è a vostra disposizione il conto corrente intestato a:
Associazione Fiorenzo Fratini ONLUS
INTESA SAN PAOLO - PRIVATE BANKING
IBAN: IT68I03239016001 00000 136 483
Per le donazioni dall'estero indicare:
CODICE BIC SWIFT: BCITITM3
CODICE IBAN: IT68I03239016001 00000 136 483